Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.  ACCETTO

Un diario da leggere, guardare e ascoltare in tempo reale attraverso post, video e fotografie che raccontano una Corsica mai vista: un viaggio tra immagini e parole che descrivono scorci incontaminati e selvaggi, illustrano borghi caratteristici e scogliere mozzafiato, fino a svelare i segreti di spiagge candide e mari cristallini.

press-goup.it | The Digital Press Office
tourismexpertise.com - Integrated communications services in tourism market


  

Il Venerdi Santo a Sartene




Pur essendo, dal punto di vista territoriale, il comune più grande della Corsica, quello di Sartène è un antico borgo non particolarmente vivace o chiassoso, che conta circa 3.000 abitanti ed è una delle poche "grandi" città della Corsica a non essere sulla costa. La si vede, mentre si arriva, a dominare la vallata sottostante e si intuiscono i fasti che conobbe durante il basso medioevo, quando era terra di nobili possidenti. La sera del Venerdì di Pasqua, però, Sartène improvvisamente si popola e pellegrini da ogni angolo dell'isola vengono per assistere alla rappresentazione della Passione di Cristo detta "U Catenacciu". Il paese viene invaso da una moltitudine tranquilla e composta e per la popolazione di Sartène è l'evento dell'anno, un momento in cui ritrovarsi in piazza.
Scritto da:
Nicola Andreetto
sabato 04 aprile 2015 | TERRITORIO
Sartene
catenacciu
Pasqua






RAGGIUNGI LA CORSICA CON
VIVI LA TUA CORSICA
Scegli lo stile della tua vacanza
VISITA LE LOCALITÀ CORSE
LEGGI GLI ULTIMI POST
POWERED BY