Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.  ACCETTO

Un diario da leggere, guardare e ascoltare in tempo reale attraverso post, video e fotografie che raccontano una Corsica mai vista: un viaggio tra immagini e parole che descrivono scorci incontaminati e selvaggi, illustrano borghi caratteristici e scogliere mozzafiato, fino a svelare i segreti di spiagge candide e mari cristallini.

press-goup.it | The Digital Press Office
tourismexpertise.com - Integrated communications services in tourism market


  

Da Ajaccio a Bastia, un diario on the road




Siamo ormai giunti alla parte conclusiva del nostro viaggio on the road attraverso la Corsica. L'ultima tratta consiste nel fare il coast to coast corso dalla capitale Ajaccio a Bastia.

Partiamo comodamente in tarda mattinata da Ajaccio e imbocchiamo la strada N193 che congiunge direttamente le due città attraverso la catena montuosa dell'entroterra che costituisce la spina dorsale della Corsica.

La prima tappa è fissata a pranzo nel piccolo borgo di Vivario. Già dai primi chilometri percorsi fuori da Ajaccio si intuisce che il viaggio sarà alquanto panoramico. Fiumi, boschi, binari che mi ricordano tanto le ferrovie nei film sul Far West. Seduti a tavola all'ombra del campanile della chiesa di Vivario osserviamo la cima innevata del secondo monte in ordine di altezza della Corsica, il Ritondu di ben 2622 m.

Dopo nemmeno un'ora dietro ad una curva appare la città di Corte in tutto il suo splendore, arroccata lassù in cima, l'antica capitale dello stato indipendente corso. Spendere qualche ora a visitarla è quantomeno obbligatorio.

Proseguendo verso Bastia, sempre lungo la N193, attraversiamo il grazioso ponte di Ponte Leccia, un piccolo paesino famoso come punto di chiave della rete ferroviaria.

Prima di arrivare a Biguglia alle porte di Bastia decidiamo di fare una deviazione sulle montagne che svettano sulla strada litoranea e ci arrampichiamo con la nostra auto fino a Oletta, borgo famoso nella storia dell'isola per la repressione sanguinaria francese della resistenza corsa.

In questo momento vi sto scrivendo dalla stanza di un chambres d'Hôtes nel paesino di Rutali a qualche chilometro da Oletta. Le stelle splendono fuori dalla finestra e mi tengono compagnia, mentre il resto della famiglia dorme.

Domani la nostra avventura sulla strada riprenderà e toccherà nuove tappa fino a giungere alla conclusione al porto di Bastia.

Buonanotte.



 
Scritto da Elisa e Luca
martedì 05 maggio 2015 | TERRITORIO







RAGGIUNGI LA CORSICA CON
VIVI LA TUA CORSICA
Scegli lo stile della tua vacanza
VISITA LE LOCALITÀ CORSE
LEGGI GLI ULTIMI POST
POWERED BY