Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.  ACCETTO

Un diario da leggere, guardare e ascoltare in tempo reale attraverso post, video e fotografie che raccontano una Corsica mai vista: un viaggio tra immagini e parole che descrivono scorci incontaminati e selvaggi, illustrano borghi caratteristici e scogliere mozzafiato, fino a svelare i segreti di spiagge candide e mari cristallini.

press-goup.it | The Digital Press Office
tourismexpertise.com - Integrated communications services in tourism market


  

Una giornata in barca alla scoperta dei calanchi di Piana, della riserva naturale di Scandola e del villaggio di Girolata.




Questa mattina abbiamo fatto un bellissimo giro in barca per andare alla scoperta di un tratto di costa che è stato riconosciuto come Patrimonio dell'Umanità Unesco. 
Siamo partiti di buon mattino dal porticciolo di Porto e la nostra prima tappa sono stati ancora i Calanchi di Piana, ma questa volta li abbiamo ammirati dal mare, scoprendoli da una prospettiva diversa e se possibile ancora più spettacolare. 
Tra le rocce di granito rosso e nero a picco sul mare scintillano filamenti di quarzo e crescono licheni e molte specie di fiori selvatici. 
Costeggiando i calanchi fino a Capo Rosso si possono ammirare cascate che si tuffano in mare, grotte piene di stallattiti e i grandi nidi delle aquile pescatrici, che assomigliano nella forma a quelli delle cicogne. 
Dai calanchi ci siamo quindi spostati verso Nord, raggiungendo velocemente a bordo del nostro Zodiac la riserva marina di Scandola. 
Questo è un luogo di una bellezza davvero stupefacente: una piccola caldera originatasi milioni di anni fa, dove colate di lava solidificata ed erosa dall'azione dell'acqua e del vento formano un paesaggio unico. 
La riserva è protetta da leggi molto severe ed è possibile accedervi solo durante il giorno, inoltre c'è il divieto di attracco, di immersione e ovviamente di pesca. 
Nella riserva di Scandola il mare ha un'intensa colorazione blu zaffiro e le sue acque sono tra le più limpide di tutto il Mediterraneo. 
Un'escursione in barca a Scandola vi permetterà  di ammirare bellissime falesie (simili a quelle Irlandesi) e formazioni rocciose dai nomi suggestivi come la Scala del Paradiso. 
Dopo aver raggiunto Capo Gargalo, che è il punto più occidentale della Corsica, abbiamo concluso il nostro giro in barca con una sosta nel delizioso villaggio di pescatori di Girolata, dominato da una spettacolare rocca che si affaccia sulla baia. 
Qui si arriva solo via mare o percorrendo un sentiero a piedi tra le montagne e, raggiungendo la piccola spiaggia, vi potrebbe capitare di imbattervi in placide mucche che riposano sul bagnasciuga. 
Non manca tuttavia una certa atmosfera vivace grazie alla presenza di qualche graziosa boutique e di alcuni bei ristorantini. 
Davvero una bellissima esperienza, soprattutto visto e considerato che l'abbiamo vissuta proprio oggi, che si celebra la giornata mondiale dell'ambiente!

Una giornata in barca tra i calanchi di Piana, Scandola e Girolata

  • Una mucca sulla spiaggia di GirolataUna mucca sulla spiaggia di Girolata
  • I calanchi di Piana visti dal mareI calanchi di Piana visti dal mare
  • La rocca che domina il porticciolo di GirolataLa rocca che domina il porticciolo di Girolata
  • La riserva marina di ScandolaLa riserva marina di Scandola
Scritto da Miss Bai Ling
martedì 05 giugno 2018 | VACANZA







RAGGIUNGI LA CORSICA CON
VIVI LA TUA CORSICA
Scegli lo stile della tua vacanza
VISITA LE LOCALITÀ CORSE
LEGGI GLI ULTIMI POST
POWERED BY