Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.  ACCETTO

Un diario da leggere, guardare e ascoltare in tempo reale attraverso post, video e fotografie che raccontano una Corsica mai vista: un viaggio tra immagini e parole che descrivono scorci incontaminati e selvaggi, illustrano borghi caratteristici e scogliere mozzafiato, fino a svelare i segreti di spiagge candide e mari cristallini.

press-goup.it | The Digital Press Office
tourismexpertise.com - Integrated communications services in tourism market


  

Scopriamo il "tessuto" culturale corso: la lana!




Anche oggi Tommaso ha da propormi una delle sue chicche! Parcheggiamo le moto a pochi chilometri da Corte, vicino Ponte Leccia, proprio davanti a un edificio abbastanza anonimo, con una scritta semplice in bella vista sopra alla porta d'ingresso: lana corsa. 

Guardo il mio compagno di viaggio di sguincio, pensando che stavolta abbia toppato. Prima cosa non mi piacciono i souvenir, ma soprattutto la lana non l'ho mai sopportata, i maglioni a collo alto mi facevano schifo anche negli anni '90! Entro quindi tutto diffidente e… come al solito devo ricredermi! 

Questo posticino è veramente un gioiello, gestito da ragazzi giovani e molto attivi non solo nella produzione di oggetti in lana tutti lavorati a mano uno più bello dell'altro, ma anche in una serie di attività culturali e didattiche che hanno l’obiettivo di promuovere l’uso delle lane locali. Uno dei progetti più interessanti è "La valise pedagogique: Laine", un percorso didattico pensato per trasmettere ai giovani (e meno giovani) la conoscenza delle lane e le tecniche per lavorarle, legato a quella "agricoltura sociale" che ultimamente sta prendendo piede anche in Italia.  

Ma lo sapete quante razze di pecore diverse esistono nel mondo? 140, di cui 62 solo in Italia! Io prima d'entrare qui non avrei mai sparato una cifra così alta! E non avevo mai visto i movimenti precisi e armonici che permettono di far muovere il telaio per ottenere un tappeto. Quando Sandrine si toglie le scarpe e inizia a manovrare i quattro lunghi pedali che gestiscono gli incroci dei fili di lana per ottenere i disegni, sembra che stia seduta davanti a un organo arcaico, i suoi movimenti suonano anche nel silenzio della stanza, rotto solo dallo scorrere della navetta che porta avanti e indietro il filo di trama attraverso quelli di ordito.


Sandrine è gentilissima e prova, con pazienza, a farci capire come si devono gestire le lane tosate, come conoscere le loro caratteristiche, e soprattutto come funziona la filiera di trasformazione della lana.

L'argomento è davvero affascinante anche per due caproni come noi e senza accorgercene passiamo ore qui a chiacchierare e scoprire un altro pezzetto di mondo che non conoscevamo.

www.lana-corsa.com


Scritto da Tommaso e Leonardo
giovedì 07 maggio 2015 | TERRITORIO







RAGGIUNGI LA CORSICA CON
VIVI LA TUA CORSICA
Scegli lo stile della tua vacanza
VISITA LE LOCALITÀ CORSE
LEGGI GLI ULTIMI POST
POWERED BY