Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.  ACCETTO

Un diario da leggere, guardare e ascoltare in tempo reale attraverso post, video e fotografie che raccontano una Corsica mai vista: un viaggio tra immagini e parole che descrivono scorci incontaminati e selvaggi, illustrano borghi caratteristici e scogliere mozzafiato, fino a svelare i segreti di spiagge candide e mari cristallini.

press-goup.it | The Digital Press Office
tourismexpertise.com - Integrated communications services in tourism market


  

Porto e la sua torre genovese




Che dire? Dopo tanta bellezza Porto, poverina, resta un po' in secondo piano. Eppure non è malaccio, la sensazione è che sia cresciuta troppo in fretta. Mentre facciamo colazione la signora del bar si lamenta che d'inverno non c'è nessuno e d'estate viene presa d'assalto dai turisti. "I turisti"' ci dice "sono una piaga necessaria". Poche parole ma dirette come una freccia e pronunciate senza mai smettere di sorriderci, com'è d'abitudine per questo popolo schietto.

Porto, come suggerisce il nome, è la marina del borgo di Ota, aggrappato alla parete rocciosa poco più in alto. Il suo tratto caratteristico è la torre quadrata costruita a metà del 1.500 dai genovesi per proteggere il golfo dagli attacchi dei saraceni. È visitabile (tel. 0495261005) e ospita due esposizioni permanenti. "Dovresti venire a settembre, Leo", mi dice Tommaso "in quel periodo dalla cima si vede un tramonto spettacolare. Purtroppo chiude sempre alle 19, quindi quando le giornate sono più lunghe non si fa in tempo a vederlo".

Nelle giornate più terse dalla torre si vede la Tour de Piana, in fondo, sulla sinistra del golfo.
Scritto da Tommaso e Leonardo
venerdì 08 maggio 2015 | VACANZA







RAGGIUNGI LA CORSICA CON
VIVI LA TUA CORSICA
Scegli lo stile della tua vacanza
VISITA LE LOCALITÀ CORSE
LEGGI GLI ULTIMI POST
POWERED BY